Crea sito

Quest’anno il tema era l’orsetto secondo una metafora tenera. Pertanto poesia in Italiano e L2 su una coltre di orsetti

Per il manufatto appunto orsetto di gesso di colore azzurro perché era l’unico che non venisse via, che poi ho sistemato con qualche piccolo particolare.

Per il biglietto augurale un papà molto elegante, da sera!

  

 

Stamattina abbiamo dedicato la giornata scolastica al completamento delle attività previste:

STRISCIONE (Storia, Geografia, Scienze)

 Scrittura delle didascalie

 Ricerca immagini e foto nei libri vecchi
Ritaglio

 Incollaggio

LOGO SU MIMOSA

     
RICALCO LOGO SU MAGLIETTE (riciclate dalla manifestazione contro il bullismo)

FOTO DI GRUPPO

ECCO LO STRISCIONE A PEZZI

Vogliamo chiudere con una donna importantissima, che ci ricorda come la nostra vita sia molto comoda eppure facciamo tante storie!!!

   THANK YOU, MALALA
 
ITALIANO: Leggere e comprendere testi di vario genere.
Prendere spunto da brani o poesie lette per organizzare le idee e pianificare
l’elaborazione di un testo, di una poesia, di uno slogan.
INGLESE: Conoscere modalità altre peri ricordare l’8 Marzo: il
Women’s Day.
CITTADINANZA: Riflettere sul concetto di pari
opportunità e di rispetto della persona, senza distinzione di sesso.
Confrontare il ruolo delle nonne, delle mamme, il proprio
.
STORIA: Confrontare le diverse civiltà studiate rispetto al
ruolo delle donne e valutare la posizione attuale nel mondo.
GEOGRAFIA: Ricercare informazioni e localizzare nel mondo il
ruolo delle donne nella società di appartenenza.
SCIENZE: Conoscere e riconoscere la differenza nel corpo di
donne e uomini: Conoscere elementi, caratteristiche e funzioni dell’apparato
riproduttore.

TECNOLOGIA: Ricercare informazioni per organizzare,
pianificare un lavoro. Manipolare materiale di uso comune per realizzare un
simbolo per la “Giornata internazionale della donna”. Scegliere uno slogan e
realizzare un logo.

In questo percorso, intrecciato agli obiettivi contestualmente programmati, gli alunni hanno colto altri aspetti non proponibili nelle classi precedenti, come l’evoluzione storica, la geolocalizzazione di culture diverse dalla nostra, il concetto delle pari opportunità, l’aspetto violento dell’uomo ai danni delle donne.
A questo proposito io tengo sempre a precisare che nessuno ha potere su di noi se non lo concediamo.
Concordo molto  con lo slogan di Vincenza.
Certo è un percorso difficile, soprattutto nelle nostre zone, dove i ruoli sembra siano mummificati, nonostante aspetti esteriori di modernità. Ma quale modernità? La cultura è per me la sola ed unica risposta, la sola ed unica arma che porta allo sviluppo olistico della persona e a compiere scelte autonome e responsabili.
Nell’ambito di questo discorso ritorna più volte l’aggancio con il bullismo: sembra che si voglia affermare se stessi a danno di un altro più debole.E sempre la cultura secondo me può incentivare il rispetto della dignità e della diversità dell’altro. Diversità che è differenza, dunque valore positivo ed aggiunto.
 

La Giornata internazionale della donna, inopinatamente nota come Festa della donna, in questi ultimi tempi sembra aver assunto di nuovo il ruolo che le compete, cioè quello di ricordare la determinazione delle donne a conquistare diritti inalienabili della persona, indipendentemente dal sesso.

Le riflessioni in itinere della classe 5^B sono raccolte in una sorta di progetto a cui abbiamo dato il titolo di

che comprende obiettivi volti a rendere sempre più consapevoli alunni ed alunne di una mentalità che va fondata  sulla fiducia in se stessi e sul rispetto dell’altro.
Anche se piccoli, gli alunni ascoltano notizie, assorbono atteggiamenti, sono comunque rivolti ad una società che non offre certo modelli positivi di comportamento. Pertanto famiglia e scuola devono intervenire affrontando tematiche che possono sembrare forti ma che investono anche i bambini, ascoltando, dialogando e co-costruendo conoscenza e sensibilità.
Domani completiamo le nostre attività, intanto ecco alcune considerazioni, in versi o in prosa,  ma anche mediante l’uso dello slogan o della rappresentazione grafica. Ho ripescato il pensiero di Luigi di prima.

Seguono gli slogan, alcuni anche forti


Seguono le poesie

 

 

 
 

Riflessioni

Infine abbiamo pensato di far fiorire le porte di slogan e pensieri su post-it

   

Domani il resto delle attività.

 

Finalmente è pronto il nuovo laboratorio informatico con isole da utilizzare anche per attività di coding unplugged e di robotica.

Stamattina la classe 5^B si è potuta di nuovo divertire a mettere in campo ipotesi, verifiche, strategie individuali e collettive, soluzioni e rimodulazione di percorsi nell’ambito del Corso 3 su piattaforma code.org. Di solito sono ligia alle regole ma stamane ci siamo ritagliati uno spazio piuttosto ampio per poter svolgere diverse attività, tra cui simulazioni Invalsi e un girellare per i nostri blog, come FACCIO STORIE per osservare, discutere e commentare. Ecco un po’ di foto ricordo/documentazione di cui si è occupata la piccola M. a.

Carino quando viene fuori qualcosa di inaspettato nell’ipotesi di lavoro!!! Per il momento, ripreso il percorso, stamattina abbiamo raggiunto questo primo step.

 

ATTIVITA’ TRASVERSALE

SCIENZE: Conoscere le caratteristiche dell’inquinamento acustico. Riflettere sulle connessioni con la nostra salute psicofisica.

ITALIANO: Organizzare informazioni desunte da supporti diversi.

INFORMATICA: Utilizzare strumenti di ricerca per selezionare e valutare informazioni. Utilizzare un sw per organizzare i dati da condividere con i compagni in modalità differenti.

Ognuno utilizza il formato che preferisce per ricercare notizie sull’inquinamento acustico ed evidenziare i problemi che comporta. Alcuni esempi completati.

 

 

Poi spiega ai compagni l’esito della ricerca.



RUBRICA DI VALUTAZIONE


 

Tematica periodicamente discussa e sviscerata con attività di discussione, simulazione, ipotesi di reazione, confronto, narrazioni, e realizzazione di oggetti tangibili per educare al no ad un fenomeno insopportabile e per cui trovare soluzioni utili per vittima, bullo e spettatore.

     

I CONSIGLI

                          

clicca per la pps                                                                                clicca per la pps

NO AL CYBERBULLISMO

      

     

CARTELLONISTICA

  La manifestazione documentata nel blog di classe

   

   

   

 

CITTADINANZA

On dicembre 16, 2016, in Cardito, Cittadinanza, Istituto Comprensivo IC2 Don Bosco, by maestraaa

Man mano che analizziamo la Costituzione riflettiamo meglio sui diritti e doveri del cittadino perché la sua sia vissuta come cittadinanza attiva e responsabile.

    

    

 

 
Riflettendo su diritti e doveri, siamo passati a un problema veramente intollerabile: il bullismo. I bambini hanno potuto comprendere come sia molto facile che, esercitando quelli che riteniamo nostri diritti, possiamo anche senza accorgercene violare la libertà e la dignità di altre persone.

Noi pensiamo di poter fare tutto perché siamo esseri liberi, ma la libertà è intimamente legata la concetto di responsabilità. Ogni volta dobbiamo chiederci:- Ma la mia libertà quanto può invadere e limitare la libertà degli altri?-

 

 

Disegni e slogan vanno poi assemblati in cartelloni che affiggeremo in seguito.

 

I diritti dell’infanzia e dell’adolescenza sono sanciti dalla Convenzione dell’ONU del 20 Novembre 1989.

 Clicca per leggere i principali diritti.
 Clicca qui per leggere o ascoltare i diritti dei bambini con Geronimo Stilton e il Garante.

Dalla lettura e riflessione condivisa sul concetto di diritto e sui diritti,  i bambini hanno realizzato disegni e slogan per ricordarli a tutti.

 

Alcune riflessioni.

 

 

Crea sito web gratis